Stape

Come configurare il monitoraggio GA4 utilizzando il contenitore lato server di Google Tag Manager

Aggiornato
14 mag 2024
Pubblicato
12 nov 2020
Disponibile anche in

Goolge Analytics 4 e il contenitore lato server di Google Tag Manager sono gli aggiornamenti più grandi nel mondo dell’analisi nel 2020 (o non solo nel 2020). Questi strumenti sono ancora in versione beta; Google distribuisce gli aggiornamenti per entrambi ogni settimana, ma questo non dovrebbe impedirti di testarlo sul tuo sito web. Tuttavia, non consiglio di passare solo al tagging del server GA4 e GTM e di disabilitare il contenitore web con Universal Analytics. Infatti, non sarai in grado di spostare tutti i tag dal contenitore web al contenitore del server poiché il contenitore del server GTM non ha ancora client e tag predefiniti per le piattaforme più popolari. E la libreria non è disponibile per il contenitore del server. Anche così, c’è un modo per spostare tutti i tuoi tag al contenitore del server se hai un team di sviluppatori ed esperti di analisi che possono scrivere i tag e i clienti per te.   

In questo articolo, descriverò gli vantaggi dell’uso del tagging del server GA4 e GTM. Puoi utilizzarlo come la guida passo al passo su come inviare gli eventi al GA4 tramite il contenitore del server GTM. Per quanto riguarda l'eCommerce/eCommerce avanzato, lo tratterò in un altro articolo.

universal analytics stops working

Che cos’è Google Analytics 4 e perché dovresti considerare di aggiungere GA4 al tuo sito web?Copia il link a questa sessione

La prima domanda che potresti chiedere è perché Google Analytics 4? C'erano versioni dal 1 al 3? Ed è la quarta versione di Google Analytics? La risposta è sì. Questa è la quarta versione di Google Analytics. Tutto è cominciato con Urching nel 2005, per poi passare a Google Analytics (ga.js) nel 2009 e Universal Analytics (analytics.js) nel 2013. E ora abbiamo GA4.

google analytics history

GA4 è stato disponibile per tutti dal luglio 2019, ma aveva un nome differente — APP + WEB. Quindi Google ha deciso di rinominarlo e fare un grande comunicato stampa. E così che hai ottenuto un nuovo nome — GA4.  

Se vuoi registrare il nuovo account di Google Analytics, GA4 dovrebbe essere l’opzione predefinita. Google ti chiederà se vuoi creare anche la proprietà di Universal Analytics. Ma tieni presente, che l’interfaccia di GA4 e ben lontana dalla ben noto Universal Analytics.

Sembra che Google stia dicendo agli utenti che è ora di abituarsi al GA4 e spostare il loro monitoraggio dal UA al GA4. Dopotutto, sono state apportate numerose modifiche alla raccolta e al reporting dei dati. 

In che cosa differisce GA4 dal Universal analytics?Copia il link a questa sessione

Modello di dati collegati agli eventiCopia il link a questa sessione

Il cambio più significativo introdotto è il passaggio dal concetto di visualizzazione della pagina/sessioni al modello di dati collegati agli eventi. Questo modello dei dati è stato usato per l’analisi dell’app mobili da diversi anni. Il modello della visualizzazione della pagina, tuttavia, non si adatta alle app mobili. Ha a che fare con gli utenti che hanno un comportamento completamente diverso quando usano le app e i siti web.

Il modello di dati collegati agli eventi ti dà la possibilità di creare un evento per qualsiasi attività sul sito che desideri registrare all’interno GA4. Inoltre puoi utilizzare i parametri che aggiungono più valore e descrizione per ogni evento. Google ha preparato l’elenco dei nomi standard dell’evento per utilizzare all’interno GA4, ma puoi anche creare gli eventi e parametri personalizzati.    

Rapporti cross-deviceCopia il link a questa sessione

Quando si tratta di analisi del traffico e delle vendite, il monitoraggio cross-device di utenti/conversioni è il punto principale. Diciamo che l’utente abbia visto il tuo annuncio Adwords sul mobile e abbia cliccato su di esso. Ma per qualche motivo ha deciso di procedere il checkout sul desktop. L’utente, tuttavia, non ha effettuato l’accesso a nessuno dei servizi Google. Quindi, Google non può riconoscerlo e dare credito a quel particolare click di Adwords. Come risultato, la fonte di conversione è persa e le informazioni per l'ottimizzazione di Adwords sono incompleti.    

Per risolvere questo problema, Google ha rilasciato Signals alcuni anni fa. Google ha integrato la funzionalità di Signals in GA4 e ha aggiunto l’apprendimento automatico. Questo è stato progettato per identificare gli utenti che non hanno effettuato l’accesso a nessuno dei servizi di Google. Se l’utente non è connesso ai servizi di Google o il suo dispositivo non può essere identificato tramite fingerprinting, l’apprendimento automatico colma tutte le lacune.  

A proposito, la raccolta dati dei segnali di Google non è abilitata per impostazione predefinita in GA4. È necessario abilitarla manualmente andando nelle impostazioni -> cliccando su impostazioni dati -> raccolta dati.

Un'altra impostazione essenziale (e nuova) da controllare è il modo in cui GA4 identifica gli utenti.

Hanno due opzioni: 

  • solo per dispositivo (quello che avevamo nella proprietà standard di Universal Analytics)
  • per ID utente, Segnali Google, quindi dispositivo (nuova opzione)
google analytics 4 reporting identity

Eventi predefinitiCopia il link a questa sessione

Google è riuscito ad identificare gli eventi più comunemente utilizzati che gli esperti di marketing e le proprietari di business tracciano all’interno di Google Analytics e GTM e li ha aggiunto alla funzionalità di misurazione avanzata. Ora la visualizzazione della pagina, gli scroll, i clic sui link in uscita, le ricerche sul sito, il coinvolgimento dei video e il download dei file vengono monitorati per l’impostazione predefinita. Questa funzione è in generale abilitata per tutte le proprietà GA4. Ma devi essere sicuro che sia attivato per il tuo account. Per farlo vai a Data Streams -> scegli i dettagli di Webstream e controlli se tutti gli eventi sono abilitati.

google analytics 4 standard events

Analysis Hub e l’integrazione con BigQueryCopia il link a questa sessione

Google ha completamente progettato l’hub di analisi/reporting all'interno di GA4. Consente agli utenti di creare facilmente pivot, tabelle e filtri. C’è anche la galleria dei modelli, simile a quella che hanno in DataStudio. Sarai in grado di analizzare i dati in modo più efficiente e dedicare meno tempo alla creazione di report personalizzati.

Il vantaggio successivo è stato una grande sorpresa per me. Prima era impossibile esportare dati grezzi dalla versione gratuita di GA al BigQuery. E oggi, l'esportazione a BigQuery è disponibile per tutti gli utenti di GA4. In poche parole, puoi esportare i dati GA4 in BigQuery, che può essere integrato con le altre fonti come il tuo CRM. L’integrazione e il campionamento solo i motivi più popolari per l’aggiornamento a GA360 alla base della mia esperienza. 

Limite della dimensione personalizzata e della metrica personalizzataCopia il link a questa sessione

In GA4, il limite di dimensioni e metriche personalizzate è aumentato. Google Analytics 4 consente di avere 25 dimensioni personalizzate per utente e 50 per evento. Le metriche personalizzate sono aumentate a 50. In UA è possibile avere solo 20 metriche e 20 dimensioni personalizzate. L'aumento del numero di metriche e dimensioni personalizzate offre una maggiore flessibilità per la personalizzazione di GA4.

Vista di debug GA4Copia il link a questa sessione

Il debugger di GA4 è estremamente utile per chi imposta Google Analytics 4. Con l'anteprima abilitata, è possibile vedere quali eventi, proprietà degli eventi e dati degli utenti vengono elaborati da GA4. Il processo di configurazione di GA4 è molto più rapido e semplice. Adoro questa funzione.

google analytics 4 debug view

Altri vantaggiCopia il link a questa sessione

Potresti essere già stanco di leggere perché GA4 è così bello. Quindi elencherò gli altri vantaggi: la visualizzazione di debug integrata, la valutazione del pubblico in base alla probabilità di acquisto nei prossimi giorni, una combinazione di analisi web e app e molto altro.

Che cos’è il tagging lato server di Google Tag Manager?Copia il link a questa sessione

Fammi ti ricordi velocemente cos’è il tagging lato server GTM. E nella prossima sezione, cominceremo con la parte più interessante - la configurazione del monitoraggio. Il contenitore del server GTM muove il monitoraggio dal browser dell’utente al server. Ci sono tanti benefici: maggiore velocità della pagina, migliore sicurezza dei dati, capacità di bypassare il blocco dei cookie di terze parti, gli AdBlocker e ITPs (se usi il sottodominio personalizzato, puoi leggere di questo qui), aumentare la durata dei cookie e molti altri. Ad esempio, puoi usare il tagging del server GTM per inviare le informazioni degli eventi sul tuo sito web a Slack, abbiamo una guida breve qui. 

Questo articolo ti darà più dettagli su cos’è il tagging lato server GTM.

Qui ti guideremo su come configurare il contenitore del server GTM con il nostro servizio.

Come configurare il lato server di Google Analytics 4?Copia il link a questa sessione

1. Crei il contenitore del server di Google Tag Manager. All’interno di Google Tag Manager clicchi su Admin -> Sotto la tabella di contenitore clicchi su + -> Aggiungi il nome di contenitore e scegli il Server sotto la piattaforma di destinazione -> nel pop-up scegli il provisioning manualmente del tagging server URL (se userai il nostro servizio per configurare il tagging server) -> copi la configurazione del contenitore.  

set up server google tag manager container 
container config server google tag manager 

2. Crei un account nel nostro servizio -> crei il contenitore -> incolla la configurazione del contenitore che hai copiato in passo prima. Se la configurazione è riuscito, vedrai lo stato del contenitore in esecuzione. Aggiorni la pagina tra 10 minuti per controllare lo stato del contenitore.   

container configuration

3. La caratteristica principale del tagging lato server è l'impostazione dei cookie di prima parte. Per abilitare questa funzione è necessario utilizzare un URL del server di tagging personalizzato. L'URL del server di tagging personalizzato o dominio personalizzato deve avere lo stesso dominio del sito web. Ad esempio, se il dominio del sito web è example.com, l'URL del server di tagging deve essere ss.example.com.

Se si desidera aggiungere un dominio personalizzato, aprire il contenitore sGTM su stape, scorrere fino alla sezione domini, digitare il nome del dominio e fare clic su Aggiungi dominio. Una volta fatto, verranno visualizzati i record DNS da aggiungere.

set up custom domain server side tagging 

Di seguito è riportato un esempio di configurazione DNS per CloudFlare.

add DNS records server-side tagging
add DNS records ss tagging

4. Tornare al contenitore del server di Google Tag Manager -> Scegliere il contenitore del server -> Amministrazione -> Impostazioni del contenitore -> Incollare l'URL del server di tagging.

set tagging server url in gtm

L'aggiornamento dello script Web GTM sul proprio sito web è altamente consigliato se si utilizza un dominio personalizzato. Questa modifica farà sì che gtm.js venga caricato dal vostro dominio. Per farlo, sostituire il dominio predefinito googletagmanager.com con il dominio personalizzato impostato nel passaggio precedente.

update google tag manager script stape

5. All'interno del contenitore Web, creare un nuovo tag del tipo Google Tag. Aggiungere l'ID del tag Google.

Nella sezione Impostazioni di configurazione aggiungere i seguenti parametri:

Aggiungere un trigger al tag GA4. Normalmente dovrebbe attivarsi su tutte le visualizzazioni di pagina.

set up Google Analytics 4 server-side 

È anche possibile creare una variabile Google tag: Impostazioni di configurazione che predefinisce le impostazioni dei tag di Google, se avete bisogno di utilizzare più tag di Google sul vostro sito web e non volete aggiungere manualmente le impostazioni per ciascuno di essi.

Questi parametri possono essere, ad esempio, un'impostazione che definisce se si desidera inviare un evento di visualizzazione della pagina ogni volta che si attiva un Google Tag, impostare i parametri UTM, l'ID del client, ecc. Esiste un elenco di parametri di configurazione standard di Google Tag.

6. Per impostare l'evento GA4, accedere alla sezione dei tag e creare un nuovo tag con il tipo di tag Google Analytics: Evento GA4. Aggiungere l'ID GA4 e il nome dell'evento; è disponibile un elenco di nomi di eventi standard.

È possibile creare una variabile Google Tag: Impostazioni evento che aiuterà a condividere i parametri dell'evento tra diversi tag evento GA4 o Google Tag. Può trattarsi, ad esempio, di proprietà dell'utente o del prodotto, e c'è anche un elenco di parametri standard per le impostazioni dell'evento.

Google analytics 4 events settings 
google tag event settings variable

7. Aprire il contenitore Server di Google Tag Manager -> fare clic su Client -> creare il client GA4 e salvarlo -> andare su Tags e impostare il tag GA4. Ricordare che GA4 invia automaticamente non solo pageview ma anche altri eventi. All'interno di Nome evento scegliere la variabile {{Nome evento}}. -> aggiungere il trigger Nome cliente uguale a GA4.

set up ga4 tag in the server container 
set up ga4 client in the server container 

8. Aprire la modalità di anteprima del contenitore server e verificare che vengano visualizzate le richieste di GA4. Pubblicare i contenitori Google Tag Manager aggiornati all'interno del server e del web.

test ga4 trigger in the server container 

Custom GA4 loaderCopia il link a questa sessione

È possibile rendere il tracciamento lato server di Google Analytics 4 ancora più accurato utilizzando un caricatore GA4 personalizzato. Ciò consentirà a GA4 di aggirare eventuali strumenti di blocco, come gli ad blocker e altre tecnologie legate alla privacy che mirano a impedire ai tracker di raccogliere dati sulle attività dei visitatori. Di conseguenza, vedrete il quadro completo degli utenti che visitano il vostro sito e avrete a disposizione più dati per l'ottimizzazione degli annunci e il pubblico personalizzato.

Per abilitare il caricatore personalizzato GA4, accedere all'account stape.io, selezionare il contenitore sGTM, andare alla sezione power-up e fare clic su config Custom Loader. Si deve aggiungere un ID del contenitore Web e selezionare il dominio sGTM. Una volta fatto, copiare il codice GTM web che si vede nell'amministrazione di stape, aggiungere o sostituire lo script GTM web sul proprio sito e fare clic su salva modifiche.

custom loader
custom loader at stape

Una volta aggiornato GTM sul sito, è possibile verificare le modifiche aprendo la scheda Rete e controllando il percorso della richiesta GA4. Dovrebbe essere sostituito da simboli casuali.

ga4 adblocker 

La conclusione:Copia il link a questa sessione

I contenitori dei server GA4 e GTM sono ancora in versione beta, ma hai bisogno di iniziare ad utilizzare questi strumenti per l’analisi del tuo sito web. I tagging server GA4 e GTM sono stati creati per adattarsi alle attuali regole del monitoraggio mondiale, alle tecnologie web, alle restrizioni e alla sicurezza dei dati. Ti servirà tempo per abituarti all'interfaccia nuova e funzionalità e capire come può adattarsi meglio al tuo sito web e alle esigenze aziendali.   

Se trovi difficile la migrazione al contenitore del server GA4 e GTM o ti rendi conto che hai bisogno di assistenza, non esitare a contattarci. Possiamo rispondere alle tue domande o fare la configurazione per te.

Volete impostare il tracciamento di GA4?

Vi forniremo l'assistenza di cui avete bisogno. Fare clic su Chiedere aiuto, compilare il modulo e vi aiuteremo.

Chiedere aiuto
Taggato con:Google analytics

Ospita il tuo server GTM su Stape