Come configurare il contenitore server di Google Tag Manager

Pubblicato
4 ott 2020
Disponibile anche in

La raccolta dei dati sui visitatori del tuo sito web è fondamentale per analizzare e migliorare la presenza di business online, raggiungere gli utenti e convertirli nei clienti.  

Tuttavia, la raccolta dei dati sta diventando più problematica a causa delle prevenzioni di monitoraggio (Tracking Prevention), agli AdBlocker e alla diminuzione della durata dei cookie. Google Analytics ed altri strumenti simili inizieranno a vedere meno dati e vi daranno meno informazioni da analizzare.   

Per aiutare ad affrontare queste sfide, Google introduce una nuova funzione - il tagging lato server di Google Tag Manager.

Che cos’è il tagging lato server di Google Tag Manager e perché è importante? Copia il link a questa sessione

Il tagging lato server di Google Tag Manager (GTM) dà la possibilità ai proprietari dei siti web di spostare i pixel di monitoraggio di terze parti dal loro sito web al server cloud. Questo significa che il browser del cliente non elaborerà più i pixel di monitoraggio. Sarà caricato direttamente dal server. 

Questo approccio offre i seguenti vantaggi:

  • I dati più precisi;
  • Il tempo di caricamento del sito web più rapido;
  • Il controllo extra sulla privacy.

I tuoi strumenti di analisi del marketing digitale (come Google Analytics) possono funzionare senza eseguire i cookie di terze parti sul lato cliente. Con l’impostazione dei contenitori di server appropriati, ti dimenticherai di javascript pesante, i cookie di terze parti bloccati e i dati incompleti negli strumenti di analisi.  

Se il monitoraggio lato server è ospitato nel sottodominio del tuo sito web, tutte le richieste saranno considerate di prime parti. Google ha la descrizione dettagliata di cos’è il monitoraggio server e di come può avvantaggiare il tuo sito web.

Come installare il tagging lato server di Google Tag Manager sul tuo sito web?Copia il link a questa sessione

Ci sono tanti elementi comuni tra i contenitori web e server, come i tag, trigger, variabili, modalità di anteprima, ecc. La configurazione del contenitore lato server GTM è più complessa del contenitore web standard. Ti servirà la conoscenza di web GTM, Google Analytics e programmazione web in generale. Consiglio di leggere questo post del blog se desiderai di configurare il contenitore del server GTM tramite un ambiente nativo di Google. 

Abbiamo creato un servizio che semplifica la configurazione del contenitore del server GTM rimuovendo la parte dei server di Google Cloud configurata, semplificando la creazione del domain, dando la possibilità di scaricare Google Analytics dal tuo dominio e facendo cookie di terze parti a prime parti. 

👇 Questo video mostra come configurare il contenitore del server Google Tag Manager

Cominciamo ad implementare il tagging server di Google Tag Manager:Copia il link a questa sessione

1. Prima di tutto, devi creare un contenitore del server di Google Tag Manager. Per fare questo, vai a https://tagmanager.google.com/  e scegli l’account in cui vuoi creare un contenitore. Clicchi su Admin. 

set up google tag manager server container 

2. Sotto la colonna del contenitore, clicchi su +

create google tag manager server container 

3. Inserisci il nome del contenitore, scegli il server e clicchi su Creare. 

select server in Google Tag Manager 

4. Nel pop-up di installazione, scegli “Configurare manualmente il tagging server”, copi la configurazione del tuo contenitore e la incolli in qualsiasi editor di testo. Ci servirà per i passi prossimi. 

server google tag manager manually provision tagging server 

6. Dopo aver ricevuto l’email con il link e aver impostato la password, devi creare un contenitore. Inserisci il nome del tuo contenitore e incolli la configurazione del contenitore copiata dal tuo contenitore del server di Google Tag Manager. Clicchi su Creare Contenitore.    

create container at stape

7. Dopo aver cliccato su Creare, vedrai lo stato del tuo contenitore, la configurazione del contenitore e il nome del piano. Ci vogliono circa 5 minuti per distribuire il contenitore di server. Ricarica la pagina per aggiornare lo stato. Se la configurazione è stata fatta correttamente, dovresti vedere lo stato “In esecuzione”.     

Se vedi “Errore”, controlli di aver copiato e incollato la configurazione del contenitore corretta.
Se l’errore si ripete, contatta l’assistenza. 

8. In questo passo, devi impostare un tagging URL. 

Hai due opzioni:

  • Usare il tagging URL creato per te e ospitato nel nostro dominio (stape.io)
  • usare un sottodominio personalizzato. Consiglio vivamente di usare questa opzione perché aiuterà a prevenire i pixel di tracciamento da essere bloccati e aumenterà la durata dei cookie.
set up custom subdomain Stape.io 

Se scegli di usare la prima opzione, vai al passo 9.   

Se vuoi configurare il tagging URL personalizzato, clicchi su “Aggiungere il dominio personalizzato” -> accedi al tuo servizio del nome di dominio e crei un nuovo record DNS per il sottodominio che desideri usare. Puoi usare qualsiasi nome del sottodominio che vuoi (se stai usando Cloudflare, scegli il dominio -> clicchi su DNS -> Aggiungere il record).  

Aggiungi queste impostazioni:

    Type: A

    Name: ss (o qualsiasi altro nome di sottodominio che volete)

    IPv4 address: L'indirizzo IP dipende dalla posizione dei server. L'indirizzo IP del dominio personalizzato si trova nel proprio account stape.io.

    TTL: Auto

    Proxy status: disable

Le tue impostazioni dovrebbero essere così:

set up custom subdomain stape

Dopo aver aggiunto il sottodominio all’interno dell’account del server di GTM. 

9. Si potrebbe voler abilitare il CDN globale per il contenitore sGTM. La funzione Global CDN è gratuita per tutti i contenitori stape. Utilizza la tecnologia Cloudflare per caricare i file js (gtm.js, gtag.js, analytics.js, ecc.) da un server più vicino ai visitatori del sito, con il risultato di un servizio più veloce dei file js. Questo porta a una migliore velocità della pagina e, in ultima analisi, ha un effetto positivo sull'ottimizzazione SEO.

!

Prima di attivare il Global CDN, tenere conto delle norme sulla privacy del proprio Paese.

Dopo aver abilitato il Global CDN, è necessario aggiungere un record CNAME per far funzionare il Global CDN.

global cdn

10. Questo passaggio dipende dall'URL del server di tagging utilizzato.

Avete due opzioni:

  • Se l'URL del server di tagging si trova sul nostro dominio, non è necessario modificare nulla.
  • Se si utilizza un sottodominio personalizzato, è necessario modificare il codice di Google Tag Manager aggiunto al sito. Copiare l'URL di tagging e incollarlo al posto di www.googletagmanager.com. Assicurarsi di non aver cancellato /gtm.js.
update google tag manager domain

11. Aggiungi l’URL di tagging server al contenitore del server di Google Tag Manager. Admin -> Impostazioni -> Impostazioni del contenitore. 

set up server google tag manager

12. Aggiorni l’URL di Universal Analytics all’interno del contenitore WEB GTM (se stai utilizzando GA4 vai a passo successivo). Modifichi Universal Analytics Base o Universal Analytics Variable all’interno del contenitore WEB -> Clicchi su "Altre impostazioni” -> Configurazione avanzata -> il tagging URL passato all’interno del campo “transport URL”. Dopo aver finito, clicchi su Salva e pubblichi il contenitore web. 

set up transport URL google analytics 

13. Se si utilizza GA4, seguire i seguenti passaggi: All'interno del contenitore WEB, fare clic su modifica o creazione del tag GA4 -> attivare Invia al contenitore server -> aggiungere l'URL del contenitore server.  

Salvare il tag (questo tag deve essere attivato su tutte le pagine) e pubblicare il contenitore.

set up google analytics 4 server side 

14. Crei il cliente di Universal Analytics o Google Analytics 4 all’interno del contenitore di server di Google Tag Manager.
Clicchi Clienti -> Nuovo -> Scegli il Tipo di cliente -> Aggiungi il nome di cliente -> Clicchi su Salva.  

set up google analytics 4 client

15. Configura il tag di Universal Analytics o GA4 all’interno del contenitore del server. Vai alla sezione “Tag” all’interno del contenitore del server e clicchi “Nuovo”. 

Nomini il tuo tag, scegli il tipo di tag “Universal Analytics” o “GA4”. Nel caso se non vedi questi tag, vai alla scheda Clienti e controlla che clienti UA e GA4 siano stati aggiunti, se no aggiungi questi clienti.     

Crea un trigger. Tipo di trigger “Personalizzato”, scegli “Alcuni eventi”. Il nome di cliente è uguale a Universal Analytics.

Clicchi su Salva.

set up server side universal analytics tag
set up trigger for server-side universal analytics 

16. Apri la modalità di debug all’interno del tuo contenitore del server. Apri il tuo sito web e clicchi su più pagine. Torni alla scheda debug, dovresti vedere le richieste di Universal Analytics e GA4.  

test server side google analytics 

17. Un altro modo di testare il funzionamento delle richieste di Universal Analytics e GA4 tramite il server è di utilizzare lo strumento degli sviluppatori. Apri il tuo sito -> Clicchi su alt+command+i (su Mac) o clicchi sul tasto destro del mouse e controlli -> vai alla scheda di rete ->  ricarica la pagina -> digiti raccogli -> clicchi sulla richiesta e verifichi che l’URL della richiesta corrisponda al tuo tagging URL. Puoi farlo sia per UA che per GA4.   

test google analytics serve-side requests

Questo è tutto. Adesso hai configurato il contenitore del server e Google Analytics funziona tramite il tuo contenitore del server. Se vuoi caricare GA all’interno del suo dominio e fare una richiesta GA di prime parti, segui questi passi per usare il sottodominio personalizzato.  

Avete bisogno di aiuto per configurare il tracciamento lato server?

Rispondete ad alcune semplici domande. Fate clic su Chiedere aiuto, compilate il modulo e vi invieremo un preventivo.

Chiedere aiuto
Taggato con:gtm server

Ospita il tuo server GTM su Stapeproprio ora!