Stape
Ricerca

La conversione offline di Facebook tramite il server GTM

Aggiornato
18 ago 2022
Pubblicato
16 ago 2022
Disponibile anche in

Con la limitazione di monitoraggio, i pubblicitari di Facebook fanno notevoli sforzi per alimentare i dati relativi della conversione, i visitatori del sito web e il pubblico e, alla fine, aumentare l’efficienza delle campagne di Facebook. 

Dall’aumento delle restrizioni del monitoraggio, l’implementazione di Conversion API di Facebook è il modo più popolare per migliorare il monitoraggio FB. Abbiamo già un tag e il post del blog dettagliato sulla configurazione di FB CAPI.    

Un altro modo più vecchio di inviare gli eventi al server FB è tramite la conversione offline di Facebook. Questa soluzione dà più libertà di pixel FB dopo alimenti i dati prime parti FB che non possono essere colpiti dalle restrizioni del monitoraggio e dei cookie di breve durata. 

Questo post del blog discuterà il tag recente per il contenitore del server di Google Tag Manager - il tag della conversione offline. Si permette di inviare i dati alla conversione offline FB utilizzando il contenitore del server di Google Tag Manager.

Cosa sono le conversioni offline di Facebook?

Nella maggior parte dei casi, le conversioni offline sono stati usati per tracciare le azioni che le persone non intraprendono sul tuo sito, ad esempio gli acquisti in negozio o per telefono. 

Puoi caricare i dati dell'evento offline su Facebook, che abbineranno gli eventi alle persone che hanno visto ho cliccato sulla pubblicità FB. Se possono identificare una persona e adattare l'annuncio, FB conterà l'evento come una conversione per la campagna pubblicitaria. 

Al giorno d'oggi, il funnel di conversione è così complicato che molti punti di contatto (incluso entrambi click-through e view-through) che alcuni esperti di marketing utilizzano la conversione offline per ricontrollare l'attribuzione di pixel FB. La conversione offline offre il secondo punto quando si valuta l'attribuzione delle conversioni agli annunci.  

Ci sono diversi modi per pubblicizzare l'approccio alla configurazione delle conversioni offline FB:

  • Caricare manualmente utilizzando un file CSV
  • Built-in integrazione personalizzata
  • Connettori come Zapier

Per l'integrazione built-in, hai bisogno di impiegare gli sviluppatori che creeranno le connessioni con il tuo CRM (o POS, ecc) e la conversione offline FB. Con gli strumenti come Zapier, la configurazione può essere più facile, ma il prezzo sarà più alto, specialmente se ci sono tanti eventi. Con la carica a mano, la maggior parte del lavoro deve essere fatta durante la preparazione di un file CSV.   

La configurazione delle conversioni offline FB utilizzando il tag sGTM può essere la soluzione migliore per quelli che già conoscono il tagging lato server. Non ci vuole troppo tempo per la configurazione e il prezzo più basso riguarda i connettori. 

Per quelli sconosciuti con il tagging lato server, consiglio di implementarlo il prima possibile da quando questa tecnologia è stata progettata per il nuovo mondo del monitoraggio che non si affida ai cookie di terze parti. Le due cose essenziali che devono essere fatti prima delle configurazione dei tag è la creazione di un contenitore del server GTM e la consegna dei dati a sGTM (ci sono diversi modi per inviare i dati, i più popolari sono  GA4, DataTag/DataCleint, Webhooks, ecc.).

Perché utilizzare le conversioni offline di Facebook?

Ci sono multipli ragioni per utilizzare le conversioni offline di Facebook:

  • Misura gli eventi in modo più preciso
  • Crea il pubblico personalizzato e lookalike
  • Ottimizza le campagne verso gli annunci e i set ad con il rendimento migliore
  • Aumente ROAS delle campagne FB

Ci sono i benefici multipli per l'uso dei contenitori offline FB, ma se hai già implementato FB CAPI e possibile che già usi i webhook per inviare i dati a FB CAPI, dovresti considerare di implementare le conversioni offline FB usando sGTM?

Ti consiglio di sì. I più dati del cliente invii a Facebook, le più informazioni vengono alimentate agli algoritmi di apprendimento automatico FB che selezionano chi dovrebbe vedere i tuoi annunci FB. Questo potrebbe avere un effetto positivo sui risultati degli annunci FB.

Che ne dici delle conversioni offline FB e le restrizioni del monitoraggio di iOS 15? Non c'è la documentazione ufficiale su come la conversione offline FB influisce su coloro che hanno rinunciato al monitoraggio sui propri telefoni cellulari. Di seguito descriverò la mia opinione su come FB elabora tali dati.

Questa guida utilizza un webhook dal mio CRM per attivare i tag della conversione offline FB. Quando un utente sui dispositivi iOS che ha rinunciato al monitoraggio effettua un acquisto, il pixel di FB non registrerà questo evento.  

Questa conversione ha attivato un dispositivo iOS che hai disattivato il monitoraggio. FB pixel non ha funzionato. Quando l'acquisto si attiva, mio CRM invia un webhook a sGTM con tutte le informazioni su ordini e utenti. Una volta sGTM riceve questi dati, invia una richiesta alla conversione offline FB. Nei dati di webhook, non ci sarà alcuna identificazione se l'utente ha consentito/non consentito a FB di tracciarli. Questo significa che FB può abbinare questo utente con la persona che ha visto il tuo annuncio, questa conversione offline sarà contata nel risultato della campagna FB.   

Un altro grande vantaggio della conversione offline FB è che è ancora idonea per una finestra di attribuzione di 28 giorni. Mentre con FB pixel o FB Capi, il massimo che puoi ottenere è un'attribuzione di 7 giorni.

Invii i dati a sGTM utilizzando il webhook

1. Apri anteprima del contenitore sGTM -> clicchi su tre punti nell'angolo di alta destra -> clicchi su Invia anteprima manualmente -> copi X-Gtm-Server-Preview HTTP header preview header. 

http preview header sGTM

2. Accedi il tuo stape account -> apri il contenitore sGTM -> vai a Power Ups tab -> clicchi su config HTTP Header Config -> incolla il valore che hai copiato da anteprima del contenitore del server di Google Tag Manager -> clicchi su Salva. 

Dopo aver aggiunto il HTTP Header, puoi vedere i webhook in anteprima sGTM.

Non dimenticare di rimuovere il HTTP Preview header power-up dopo aver terminato la configurazione.

send request to sGTM preview

3. In questo passo, configurò i webhook che inviano i dati a sGTM. Vai al tuo CRM (nel mio caso è Wordpress). Aggiungi il nome e URL di webhook. Usi l'URL di tuo tagging server come un webhook URL+cuatom path (puoi trovare l'URL di tagging server all'interno delle configurazioni del contenitore sGTM su stape). Configuri i dati di webhook che vuoi inviare.

send webhook to sGTM

4. Apri anteprima del contenitore sGTM e provi un webhook. Devi vedere le richieste corrispondenti nel debugger sGTM.   

debug webhook sGTM

5. Configuriamo un cliente in sGTM che affermerà la richiesta inviata da CRM. Per farlo, devi importare Data Client  al tuo sGTM. Dopo hai aggiunto Data Client al modello di cliente sGTM, vai alla Sezione di clienti in sGTM  -> Clicchi su nuovo Cliente -> Scegli Data Client e scorri verso il basso a Accepted Path Settings -> Aggiungi il percorso della richiesta del tuo webhook. Salva il cliente.

set up webhook sGTM

6. Apri il debugger sGTM e prova se il Data Client ha rivendicato le richieste di webhook correttamente. Controlli i dati dell'evento. Devi vedere tutte le informazioni configurati nel webhook.

webhook sGTM

Come impostare le conversioni offline su Facebook utilizzando sGTM

Prima del luglio 2023, l'API Conversioni offline veniva utilizzata per inviare dati alle conversioni offline di Facebook. Ma ora le cose stanno diventando molto più semplici grazie all'aggiornamento di Facebook Conversions API.

Se si utilizza il Facebook Offline Conversion Tag di Stape, che ora è stato deprezzato, nel luglio 2023 gli eventi potrebbero aver smesso di arrivare e durante il debug si ottiene un errore come questo:

events stopped coming

Poiché l'API delle conversioni offline verrà presto dismessa, consigliamo di passare direttamente al reporting tramite l'API delle conversioni standard aggiornata, soprattutto perché è diventato più facile e logico.

In precedenza si inviavano le conversioni offline a un Dataset offline separato, ma questo non è più necessario perché invece dei Pixel FB standard ora probabilmente avete un 'Dataset' che è essenzialmente la stessa cosa e la maggior parte dei pixel è stata convertita automaticamente in Dataset, cosa che forse non avete nemmeno notato :)

Quindi, per la reportistica di FB Offline, è ora obbligatorio utilizzare esattamente Dataset, non Pixel. Nella maggior parte dei casi, se andate a controllare il vostro pixel, noterete che è già diventato un Dataset.

Il modo più semplice per verificarlo è quello di andare nelle impostazioni e assicurarsi di avere 'Dataset ID' invece di 'Pixel ID' (il numero rimane lo stesso):

dataset id

Abbiamo fatto in modo che abbiate già un Dataset, ora resta da configurare l'invio di eventi offline, che in realtà non è diverso dalla configurazione degli eventi FB standard.

In precedenza, abbiamo aggiunto un aggiornamento al tag Facebook Conversion API per il contenitore server. Oltre al passaggio alla nuova versione dell'API, è stato aggiunto all'interfaccia anche un elemento con la selezione dell'origine dell'azione:

facebook capi tag fo server container

E sì, per inviare un evento come offline basta selezionare Physical Store in Action Source.

Esempio di caso

Supponiamo di avere un sistema CRM in cui sono conservati i clienti dell'azienda. Alcune vendite avvengono sul sito web e abbiamo già impostato l'invio di conversioni online, ma anche alcune vendite avvengono via e-mail o telefono, o nel negozio fisico. Per queste vendite l'utente non passa attraverso il flusso online standard, quindi l'unica opzione per noi è chiedere agli sviluppatori di impostare un webhook in formato JSON che sarà inviato al nostro server GTM container quando, ad esempio, una scheda cliente passa allo stato Done, il che significa che la transazione è chiusa.

È estremamente importante che il webhook contenga il maggior numero possibile di dati dell'utente, poiché questa è l'unica fonte da cui l'evento può essere attribuito alla vostra pubblicità (poiché non esiste un cookie fbc).

I dati nel webhook non devono essere sottoposti a hash, il tag stesso lo farà automaticamente prima di inviare l'evento.

!

Se nel vostro caso, ad esempio, un utente lascia una richiesta di lead sul vostro sito web prima di una vendita offline, potete memorizzare i suoi cookie di clic di marketing (per Facebook, si tratta dei cookie fbp e fbc) nel vostro sistema CRM insieme ai dati del lead. In questo caso il webhook può contenere anche i dati di questi cookie e l'attribuzione per questi eventi funzionerà molto meglio.

Per il debug dei webhook, è necessario utilizzare l'header Htttp di Stape Power-UP; abbiamo descritto come inviare e debuggare i webhook in sGTM in precedenza in questo post.

L'ulteriore impostazione non è diversa dall'impostazione di un evento standard.

1) Mappare i dati di Event Data nel formato richiesto da Facebook.

2) Aggiungete le variabili corrispondenti al tag Facebook e selezionate Sorgente azione: Physical Store (proprio questo punto e inviare l'evento al tipo offline).

facebook conversion api tag configuration

3) Aggiungere il trigger corretto.

Nel mio esempio, utilizzo Data Client per ottenere i webhook (e vi consiglio di fare lo stesso).

Data Client ha una comoda opzione: percorso aggiuntivo. Lo uso sempre per i webhook, per assicurarmi che non ci siano falsi positivi generati da altri tag. Uso il percorso /webhook per i webhook, il che significa che gli sviluppatori inviano i webhook al mio contenitore https://gtm.example.com/webhook.

Di conseguenza, posso utilizzare un semplice trigger per il mio evento con una convalida aggiuntiva:

trigger in the custom event

Resta da verificare in modalità debug che il tag abbia funzionato e che Facebook abbia accettato i dati e che si possa pubblicare l'aggiornamento in diretta.

debug mode for the tag

Successivamente, si dovrebbero vedere gli eventi con il tipo Offline nel Dataset sia nell'elenco generale che nei dettagli dell'evento:

dataset
dataset

Quindi, ora l'impostazione degli eventi offline non è più complicata di quella degli eventi standard di Facebook, inoltre ora è più comodo tenere traccia di tutti gli eventi, poiché ora tutto è raccolto in un unico posto, in un unico set di dati.

L'obiettivo è quello di migliorare le capacità di tracciamento e di fornire maggiori informazioni sulle conversioni offline. Questo, a sua volta, può aiutare a migliorare le strategie di marketing e a ottenere risultati migliori per la vostra azienda.

La conclusione:

La conversione offline di Facebook è uno dei modi per aumentare i risultati della tua campagna FB e migliorare l'attribuzione. Sebbene le sole conversioni offline non siano sufficienti per un'analisi e un pubblico adeguati, potrebbe essere un'aggiunta eccellente al monitoraggio dei pixel FB e al CAPI FB esistenti.

Utilizzando il tag di conversione offline di FB per il contenitore sGTM, ora puoi impostare la conversione offline in modo più semplice ed economico di prima. Ricorda di seguire le migliori pratiche di conversione offline per migliorare l'efficienza della tua configurazione.

Se hai bisogno di aiuto per configurare il tagging ss, siamo qui per aiutarti!

Taggato con:Facebook

Ospita il tuo server GTM su Stapeproprio ora!