Stape
Ricerca

Cosa sono i webhook e il loro uso nel monitoraggio lato server

Aggiornato
14 mag 2024
Pubblicato
4 gen 2023
Disponibile anche in

Ci sono tanti modi su come automatizzare il tuo business. Tra questi, vorremmo distinguere i webhook. Configurando i webhook, puoi semplificare il processo che di solito dipende dall’input manuale, salvando il tempo e l’energia alla fine. 

In questo post di blog, spiegherò cosa sono i webhook, perché la scelta perfetta per la tua flessibilità, come funzionano e il loro uso nel monitoraggio lato server. 

Cosa sono i webhook

In poche parole, un webhook è una codice di programma. Di solito consiste in due parti - una variabile e i dati stessi.

I webhook sono i messaggi automatizzati inviati dalle applicazioni web alle altre applicazioni web. È uno strumento potente, che permette agli sviluppatori di informare i servizi multipli sul contenuto aggiornato o i dati dell’utente. Questo permette alle pagine web di rimanere in sincronia, come i webhook permettono agli sviluppatori di collegare i due servizi web velocemente e trasferire le informazioni tra loro in tempo reale. I webhook possono essere usati per qualsiasi cosa, compreso le notifiche push quando un articolo spedisce o invia le informazioni di pagamento quando l'acquisto è fatto. I webhook offrono facilità e praticità senza bisogno di input manuali o software middleware, rendendo lo sviluppo web più fluido che mai.

Come funzionano i webhook

Per iniziare con i webhook lato server, devi prima decidere quale applicazione vuoi attivare e quale applicazione riverà loro. In genere, l'applicazione di invio viene definita "fonte" mentre l'applicazione ricevente viene definita "destinazione". Una volta hai scelto entrambe le applicazioni, il passo successivo è la configurazione delle impostazioni di ogni webhook.

Webhook è attivato quando un evento accade sul tuo sito, CRM, chatbot o altri sistemi. As esempio, una persona ha scritto un commento o aggiunto un nuovo prodotto al sistema contabile del prodotto. Quando questo evento accade, il server crea una richiesta HTTP e inviala all’indirizzo specificato dal cliente per ricevere i webhook. Il cliente riceve nuovi dati in tempo - il cliente è contento. L’utente può configurare i webhook, così gli eventi su certi siti attivano azioni su altri siti. As esempio, una persona crea un ordine su online store →il sistema invia un webhook all’app di proprietario →l’app notifica il proprietario e invia alla persona una stima.  

Webhook e monitoraggio lato server

Utilizzando i webhook e monitoraggio lato server è notevolmente facile. Con i webhook, i dati possono automaticamente essere inviati al contenitore del server di Google Tag Manager ogni volta che un evento o azione avviene sul tuo sito web.

Il modo più popolare dell’uso di webhook in tagging lato server è inviare i webhook da CRM o CMS. Ad esempio, ogni volta che viene creato un utente, aggiornato, effettuato un ordine, ecc., è possibile inviare questi dati al server GTM.

Perché dovresti utilizzare i webhook per tagging lato server

Con l’aiuto dei webhook, puoi tracciare gli eventi che accadono non solo al tuo sito web o app. Le cose come le vendite nei offline stores o lead telefonici - tutti questi dati possono essere inviati alle piattaforme pubblicitarie utilizzando i webhook e tagging lato server. 

Imagine this scenario: a user stumbling across your advertisement online, clicks through, and arrives on your website. After some exploring, they had queries regarding the product, so they decided to give you a call. Customer service representatives answered all the questions, and a user placed an order by phone.

Immagina questo scenario: un utente si imbatte nel tuo annuncio online, fa clic e arriva sul tuo sito web. Dopo alcune esplorazioni, avevano domande sul prodotto, quindi hanno deciso di chiamarti. I rappresentanti del servizio clienti hanno risposto a tutte le domande e un utente ha effettuato un ordine per telefono.

In questo caso, una campagna particolare è responsabile per l’ordine, ma come puoi tracciarlo? Il modo più ovvio è chiedere ai clienti come loro trovano il tuo sito. Potrebbero dire qualcosa come un annuncio online o dire alla piattaforma dove l'hanno visto. Ma queste informazioni non aiutano a capire quale campagna o ad set è stato responsabile della conversione.

Il monitoraggio di tale ordine è possibile solo con l’aiuto dei webhook e il tagging lato server. Ogni volta che viene creato un nuovo ordine telefonico nel CRM, puoi inviare un webhook al server Google Tag Manager con tutti i dettagli dell'ordine e del cliente. Dopo che il server GTM ottiene questi dati, puoi distribuirli alla rete pubblicitaria. Se la rete pubblicitaria può abbinare un utente che ha effettuato un acquisto offline a un utente che ha visto il tuo annuncio, questo ordine si rifletterà come una conversione offline a una campagna corrispondente.

Nella prossima sezione, scopriremo alcuni dettagli su come configurare i webhook e attivare le conversioni basati sui webhook. 

Come configurare i webhook per sGTM

La ragione per usare i webhook in sGTM può aiutare a tracciare le conversioni in modo più preciso e migliorare l’attribuzione delle conversione è ovviamente. Scopriamo i dettagli su come configurare i webhook in sGTM.

1. Come inviare i webhook a sGTM

Controlli il tuo CRM o CMS per un plugin nativo o funzionalità che supporta i webhook. I più popolari fanno questo. Dopo aver scoperto questo, crei un webhook per l’evento che vuoi tracciare. Nelle configurazioni di webhook, aggiungi l’URL del tuo tagging server con il percorso che distinguerà il tuo webhook. 

In mio caso:

https://ss.wp-demo.stape.io - è l’URL di tagging lato server  

/order_created - è un percorso che distingue il mio webhook che invia i dati ogni volta un ordine è fatto. 

how to send webhooks to server gtm

2. Come vedere i dati di webhook in sGTM

Inviare i dati webhook da CRM o CMS è abbastanza facile. Tuttavia, hai bisogno di vedere i dati di webhook in debugger sGTM per impostare i tag precisamente. La possibilità di impostare un tag senza l’aiuto di un debugger è bassa. 

Di default, non puoi vedere i dati di webhook in sGTM. Per vederli, dobbiamo utilizzare la funzione di Preview HTTP header in sGTM debugger e stape

Per attivare sGTM preview header apri il tuo contenitore del server di Google Tag Manager -> clicchi su preview -> clicchi sui tre punti in angolo alto destro -> clicchi su inviare le richieste a mano -> copi X-Gtm-Server-Preview HTTP header.

sgtm preview header
send requests manually in google tag manager

Accedi il tuo stape.io account, apri il contenitore sGTM, vai ai Power-Up e clicchi su  Use HTTP Header Config. 

Incolla il Preview HTTP header che hai copiato dal debugger del server di Google Tag Manager e clicchi su Salva. 

Questi passi ti permetteranno di vedere i dati di webhook in debugger del server di Google Tag Manager. Dopo che il setup è finito, elimina Preview Header da stape sGTM power-up. Il nostro sistema automaticamente elimina il Preview Header 1 ora dopo averlo abilitato. 

3. Come elaborare i dati di webhook nel server di Google Tag Manager

L’ultimo passo della preparazione prima che puoi inviare i dati di webhook alle piattaforme pubblicitarie o di analisi è elaborare i dati in sGTM. Facciamo questo con l'aiuto di Data Client di stape.  

In sGTM, i clienti sono responsabili della rivendicazione delle richieste e dell'elaborazione dei dati delle richieste in dati dell'evento.

Importi Data Client al tuo contenitore sGTM. Il primo passo sarà scaricare Data Client da GitHub. Dopo, vai al contenitore sGTM, apri la sezione dei modelli e clicchi sul nuovo cliente. 

Data client in server Google tag manager

Clicchi sui tre punti e dopo su Import. Dopo, scegli il modello Data Client che hai scaricato da GitHub e lo salva.

data client tag in google tag manager

Vai a Clients tab e crei un nuovo cliente. Scegli il tipo di cliente - Data Client, aggiungi il nome di cliente e scrolla a Accepted Path Settings. Aggiungi un percorso che distingue il tuo webhook. In mio caso è /order_created e clicchi su salvare.

data client configuration in google tag manager

Dopo aver fatto, apri sGTM e prova che il webhook è stato inviato e Data Client ha elaborato le richieste efficacemente. 

4. Come utilizzare i dati di webhook per impostare i tag sGTM

Questo passo dipende dai tuoi obiettivi e stack tecnologico. Ad esempio, puoi inviare gli eventi offline a Facebook o Google Ads. O puoi notificare i tuoi dipartimenti delle vendite o di marketing sui nuovi ordini utilizzando il tag Slack o Telegram per sGTM.

Conclusione

I webhook offrono un modo semplice e conveniente per ricevere aggiornamenti delle notifiche in tempo reale per le attività basate sul web, permettono le aziende di rispondere e agire rapidamente su tali notifiche con il minimo sforzo. Inoltre, i webhook sono un modo sicuro per condividere informazioni con altri servizi web come piattaforme di marketing o analisi, in quanto non richiedono agli sviluppatori o ai programmatori di fornire agli utenti credenziali di accesso o dati sensibili.

Se ti senti confuso, non esitare a contattare il supporto di stape. Saremo più che felici di aiutarti.

Taggato con:gtm serverWebhook

Ospita il tuo server GTM su Stape