Stape

Tracciamento del GA4 senza Cooki utilizzando il server GTM

Modificato
15 gen 2024
Pubblicato
6 nov 2023
Disponibile anche in

Nel panorama digitale in continua evoluzione, l'approccio al monitoraggio degli utenti e alla privacy dei dati sta subendo cambiamenti significativi. Con l'eliminazione graduale dei cookie di terze parti da parte dei browser web e l'entrata in vigore di severe leggi sulla privacy, i metodi tradizionali di monitoraggio degli utenti stanno rapidamente diventando irrilevanti. 

Adattarsi a questi cambiamenti non è solo necessario per le aziende e gli operatori di marketing che si affidano agli approfondimenti basati sui dati, ma è assolutamente indispensabile. 

Uno dei modi per adattarsi alle nuove sfide del monitoraggio è quello di passare al monitoraggio senza cookie. Sebbene l'ultima versione di Google Analytics presenti diversi aspetti negativi e dislike, rimane la piattaforma di analisi più diffusa. Per questo motivo, in questo articolo si parlerà di come impostare il monitoraggio senza cuoco di Google Analytics 4 utilizzando il server di Google Tag Manager. 

Che cos'è il monitoraggio senza cottura?Copia il link a questa sessione

Quando i siti web vogliono ricordare qualcosa dell'utente (ad esempio cosa c'è nel carrello della spesa o quale annuncio pubblicitario è stato cliccato prima di arrivare sul sito), spesso utilizzano piccoli dati chiamati "cookie".

Ma ora molti siti web stanno abbandonando l'uso di questi cookie per monitorare le attività degli utenti. Al contrario, stanno utilizzando nuovi metodi che non si basano sulla memorizzazione dei dati nei browser degli utenti. Questo nuovo modo di tenere traccia delle attività senza cookie si chiama " monitoraggio senza cookie".

Quando il monitoraggio non si basa sui cookie, utilizza i dati degli utenti di prima parte. Il modo migliore per raccogliere e gestire in modo sicuro queste informazioni è il monitoraggio lato server.  Questo metodo consente di monitorare, memorizzare, arricchire, trasformare e controllare rigorosamente il flusso di dati degli utenti di prima parte. 

Questo metodo non solo aiuta a liberarsi dei cookie e a rendere il monitoraggio più accurato, ma lo rende anche più conforme e consente un maggiore controllo sui dati degli utenti.

Il monitoraggio senza cookie aiuta ad adattarsi ai recenti cambiamenti nella privacy e nelle restrizioni del monitoraggio. Ecco alcuni esempi.

  1. Regolamenti. Le autorità di regolamentazione per la protezione dei dati in Europa e in alcuni altri Paesi limitano l'uso dei cookie senza il consenso dell'utente. La percentuale di utenti che rifiutano i cookie varia a seconda del Paese, dell'età e dei requisiti del cookie banner. In generale, però, circa il 50% delle persone rifiuta i cookie di marketing e di analisi.
  2. Deprezzamento dei cookie di terze parti. Safari e Firefox limitano già i cookie di terze parti, Brave non supporta i cookie di terze parti e Chrome prevede di iniziare a eliminare gradualmente i cookie di terze parti nel 2024. La rete pubblicitaria utilizza i cookie di terze parti per differenziare gli annunci che gli utenti hanno cliccato prima di approdare sul sito web e, successivamente, per convertire. Inoltre, le piattaforme di analisi utilizzano i cookie di terze parti per tracciare gli utenti che hanno già visitato il sito web e mostrare il percorso completo degli utenti. Senza i cookie, la corretta attribuzione delle conversioni e la differenziazione tra utenti nuovi e di ritorno diventa molto difficile.
  3. Restrizioni complete al monitoraggio. Apple è leader nella privacy in termini di restrizioni al monitoraggio. Tutte le app per iOS sono tenute a chiedere l'autorizzazione all'utente per monitorare la sua attività. Inoltre, gli utenti iOS possono revocare in qualsiasi momento l'autorizzazione delle app a monitorare la loro attività. Un'altra tendenza in aumento è l'uso degli AdBlocker. Quando gli ad blocker sono abilitati, gli strumenti di marketing e di analisi non ricevono alcuna informazione sugli utenti.

Il contestoCopia il link a questa sessione

Google Analytics 4 utilizza l'apprendimento automatico per modellare il comportamento degli utenti che non hanno acconsentito ai cookie analitici. Utilizza il comportamento di utenti simili che hanno acconsentito ai cookie analitici per modellare il comportamento di coloro che non hanno acconsentito ai cookie analitici. 

Per essere idonea all'apprendimento automatico, la proprietà GA4 deve soddisfare determinati requisiti:

  • La modalità di consenso è abilitata in tutte le pagine
  • I tag devono attivarsi prima che venga visualizzata la finestra di dialogo per il consenso 
  • I tag di Google vengono caricati in tutti i casi, non solo se l'utente dà il consenso
  • 1.000 eventi al giorno con analytics_storage='negato' per almeno 7 giorni.
  • 1.000 utenti giornalieri che inviano eventi con analytics_storage='concesso' per almeno 7 dei 28 giorni precedenti

Se la proprietà GA4 non si qualifica per l'apprendimento automatico o se si scopre che l'apprendimento automatico non fornisce risultati accurati, si ha la possibilità di affidarsi a dati di prima parte quando un utente rinuncia ai cookie di analytics e implementa il tracciamento GA4 senza cookie.

Affinché GA4 funzioni correttamente e riconosca gli utenti che tornano, è necessario fornire a GA4 le seguenti informazioni:

  • Client ID (cid)
  • Session ID (sid)
  • Session Count (sct)
  • First Visit (_fv)
  • User Engagement (seg)

Per impostare il monitoraggio senza cookie di GA4 quando l'utente non ha dato il proprio consenso, utilizzeremo questi strumenti:

Impostazione del tracciamento Cookieless GA4 in sGTMCopia il link a questa sessione

Per determinare se il consenso è stato concesso o meno, utilizzo il parametro gcs. La configurazione predefinita del consenso GA4 invia le richieste a sGTM, ma la richiesta manca di alcune informazioni. Tutte le richieste di GA4 sono scritte nel Firestore. 

Per determinare se un utente senza consenso ha una sessione attiva in GA4, utilizzeremo la differenza del timestamp della visita precedente rispetto a quella attuale. Se la differenza è superiore a 30 minuti, aggiorneremo i parametri della sessione in Firestore. 

Firestore utilizzerà l'ID utente come nome del documento e salverà i dettagli della sessione dell'utente all'interno di questi documenti. Sebbene questo sia un modo semplice per organizzare Firestore, esistono numerosi altri approcci per conservare i dati sull'esperienza completa dell'utente in Firebase.

1.2 Se necessario, scrivere i dati in Firestore. A tale scopo, utilizzo il tag Firestore Writer. Consultare questa guida dettagliata su come utilizzare il tag Firestore Writer. Utilizzo la raccolta UserID. Per ogni ID utente, creo un nuovo documento che utilizza cid come nome del documento.

firestore write tag
firestore write tag

1.3 Il tag GA4 lato server ha una configurazione standard e si attiva ogni volta che il client GA4 viene richiesto e l'utente acconsente ai cookie analitici.

google analytics 4 tag 
google analytics 4 tag 

2.1 Utenti esistenti con sessione attivaCopia il link a questa sessione

2.1.1 Se il consenso ai cookie analitici non è stato concesso, ho usato Stape User ID power-up per aggiungere l'ID utente nelle intestazioni delle richieste di sGTM.

2.1.2 Con l'aiuto del tag Firestore Writer, scrivo i dati su Firestore e uso l'ID utente di Stape come nome del documento. 

firestore write tag

2.1.3 Per verificare che la sessione sia attiva, utilizzo la variabile Firestore Reader per estrarre il timestamp associato all'ultima visita di questo utente in Firebase. Quindi, verifico la differenza tra il timestamp della sessione precedente dell'utente e quello attuale. Se il timestamp è inferiore a 30 minuti, l'utente ha una sessione esistente.

firestore reader variable

2.1.4 I parametri sono aggiornati come sotto:

  • cid e client_id è il valore di Stape UserID
  • ga_session_number - un valore del ga_session_number nel Firestore
  • ga_session_id - il valore di ga_session_id nel Firestore.
  • x-ga-mp2-seg (sessione impegnata) è impostato su 1
  • x-ga-system_properties.fv (prima visita), x-ga-system_properties.ss (inizio sessione), 
  • x-ga-system_properties.nsi (nuovo ID sessione) vengono rimossi.

2.1.5 Invio dei dati modificati a GA4. Per aggiornare i dati prima di inviarli a GA4, utilizzo la trasformazione.

Send modified data to GA
Send modified data to GA
Send modified data to GA

2.2 Utente esistente senza sessioni attiveCopia il link a questa sessione

2.2.1Se il consenso ai cookie analitici non è stato dato, ho usato l'attivazione di Stape User ID per aggiungere l'ID utente nelle intestazioni delle richieste di sGTM.

2.2.2 Scrivere nuovamente i dati dell'utente in base all'ID utente Stape in Firestore con l'aiuto del tag Firestore writer.  

Write user data based on Stape User ID in Firestore

2.2.3 Per verificare che la sessione sia attiva, utilizzo la variabile Firestore Reader per estrarre il timestamp associato a questo utente in Firebase. Quindi, controllo la differenza tra il timestamp dell'ultima sessione dell'utente e quello attuale. Se il timestamp è superiore a 30 minuti, è iniziata una nuova sessione.

2.2.4 I parametri sono aggiornati come sotto: 

  • id e client_id è il valore di Stape UserID.
  • ga_session_id è un valore ga_session_id di Firestore, precedentemente impostato su timestamp in secondi.
  • ga_session_number è il numero di ga_session_number presente in Firestore più 1.
  • x-gystem_properties.ss (avvio sessione) è impostato su 1.
  • X-ga-mp2-seg (sessione attivata) è impostato su 1.
  • x-ga-system_properties.fv viene rimosso.

2.2.5 Inviare i dati modificati a GA4. Per aggiornare i dati prima di inviarli a GA4, utilizzo la trasformazione. Il tag si attiva quando viene richiesto un client GA4, il consenso non viene concesso e la differenza di tempo tra le sessioni è superiore a 30 minuti.

Send modified data to GA4

2.3 Nuovo utenteCopia il link a questa sessione

2.3.1.Quando i cookie analitici non sono consentiti, utilizzare il power-up User ID di Stape per generare un ID utente.

2.3.2. Controlla se un utente con lo stesso UserID esiste già in Firestore. Se non si trova un utente con lo stesso ID utente, utilizzare un tag Firestore Writer per creare un utente con i dettagli della sessione nel database.

firestore writer tag
firestore writer tag

2.3.3 I parametri sono aggiornati come sotto:

  • cid e client_id è il valore di Stape UserID.
  • ga_session_id è il ga_session_id di Firebase.
  • ga_session_number è il numero ga_session_number presente in Firestore.
  • x-ga-system_properties.ss (inizio sessione) è impostato su 1.
  • x-ga-mp2-seg (sessione impegnata) è impostato su 1.
  • x-ga-system_properties.fv (prima sessione) è impostato su 1.

2.3.4 Inviare i dati modificati a GA4.

send data to ga4
send data to ga4
send data to ga4

Conclusione:Copia il link a questa sessione

L'implementazione del monitoraggio senza cookie di Google Analytics 4 attraverso il server di Google Tag Manager rappresenta un significativo passo avanti nell'adattamento al mutevole panorama della privacy dei dati online e delle preferenze degli utenti. Con l'evoluzione del mondo digitale, raccogliere informazioni preziose senza affidarsi ai cookie diventa essenziale. 

Sfruttando la potenza del monitoraggio lato server e di Google Tag Manager, le aziende possono mantenere il loro impegno nei confronti della privacy dei dati, sfruttando al tempo stesso i dati cruciali forniti da GA4. Questo approccio non solo garantisce la conformità alle normative emergenti, ma favorisce anche la fiducia degli utenti preoccupati per la loro privacy online. Mentre navighiamo in un futuro senza cookie, l'adozione di soluzioni innovative come il monitoraggio lato server e GA4 può aiutare le aziende a rimanere competitive e rilevanti a livello digitale.

Avete delle domande?

Non preoccupatevi, vi copriamo noi! Cliccate su Chiedere aiuto e vi invieremo un preventivo gratuito.

Chiedere aiuto

Ospita il tuo server GTM su Stape