Stape

Safari ITP aggiorna i limiti di cookie a 7 giorni come le risposte da IP di terze parti

Aggiornato
2 mag 2024
Pubblicato
6 feb 2023
Disponibile anche in

Il team di Webkit, gestita da Safari, è stata alla prima linea combattendo con il collegamento dei dati invasivo, quando si tratta della navigazione web. Nel movimento rivoluzionario contro le tattiche di monitoraggio dei cookie di terze parti, hanno impostato i limiti che hanno drammaticamente ridotto la durata dei cookie di terze parti da 7 giorni a 24 ore. Tuttavia, le aziende hanno scoperto presto una soluzione alternativa per questo limito con l’aiuto di set di tagging lato server su un dominio personalizzato.    

In autunno 2022, Safari ha annunciato un cambiamento nuovo sul trattamento dei cookie. Limiteranno la durata dei cookie a 7 giorni per le risposte da indirizzi IP di terze parti.

In questo post di blog, descriverò come i limiti di durata di cookie basati su indirizzi IP funzionano e cosa significa per le pubblicità web e analisi. E, certo, come stape ti può aiutare con le nuove restrizioni. 

Intelligent Tracking Prevention di Apple (ITP), conosciuto per la prima volta nel 2017, hanno visto i multipli cambiamenti per diventare sempre più restrittivi con ogni iterazione. Lo scopo principale di Safari, quando si tratta dei limiti di monitoraggio, è limitare le reti di pubblicità e analisi da profilare gli utenti attraverso i siti web diversi. Questo aiuta a aumentare la privacy di utente e prevenire dal monitoraggio indesiderato delle attività online degli utenti da una parte. Ma d'altra parte, questo può farlo più difficile per le pubblicità di target degli utenti con ads personalizzate e tracciare l'efficacia delle loro campagne pubblicitarie.    

Vediamo in dettaglio cosa non va bene con i cookie di terze parti e i limiti esistenti sull’utilizzo dei cookie di terze parti per i browser basati su WebKit.

Cookie di prime parti - sono i piccoli file di testo conservati su un dispositivo di utente dal sito web visitato. Se il sito web è example.com, i cookie di prime parti saranno considerati quelli impostati dal dominio principale exmple.com e da tutti i sottodomini blog.example.com, app.example.com, ecc.  Sono utilizzati per conservare le informazioni delle preferenze di utente, come login, lingua e articoli di carello. Perché i cookie di prime parti sono impostati dal sito visitato, sono considerati “prime parti” e in generale non sono soggetti alle stesse restrizioni di privacy come i cookie di terze parti.

Cookie di terze parti - quelle impostate non dal tuo dominio. Ad esempio, quando facebook.com o google.com imposta i cookies su dominio example.com, quelli sono considerati di terze parti. I cookie di terze parti sono di solito impostati da pubblicisti o le campagne di tracciamento per raccogliere le informazioni su un comportamento degli utenti attraverso i multipli siti web. 

Safari regolarmente aggiorna le sue caratteristiche di Intelligent Tracking Prevention (ITP) per limitare l’uso ulteriore dei cookie di terze parti e migliorare la privacy dell’utente. Qui c’è una breve linea temporale sugli aggiornamenti critici di ITP: 

  1. ITP limita i cookie di terze parti di default per 7 giorni.
  2. ITP limita la durata dei cookie di terze parti a 24 ore se l’URL ha i parametri query (come utm_source, click ids, ecc.) e
  3. ITP limita la durata dei cookie di prime parti a 7 giorni se sono stati impostati utilizzando il cloaking CNAME.
  4. [Beta] ITP limita la durata dei cookie a 7 giorni per le risposte da terze parti IP. Discuteremo questo in capitolo successivo.

Come le restrizioni ITP di Safari colpiscono i pubblicitariCopia il link a questa sessione

I pubblicitari che affidano ai cookie di terze parti per tracciare il comportamento dell’utente e pubblicano annunci mirati possono vedere in declino in efficacia delle loro campagne quando gli utenti stanno navigando Safari. La causa è i limiti di browser sui cookie di terze parti limita i pubblicitari dal raccolto dei dati sugli utenti attraverso i multipli siti web. Come risultato, potrebbe vedere un declino nelle conversioni e un minore ritorno sull'investimento per la loro spesa pubblicitaria.

Riduzione del rendimento degli annunci Copia il link a questa sessione

Le rete degli annunci utilizzano i cookie di terze parti per raccogliere i dati sugli utenti che visitano i siti web diversi assegnando allo stesso utente un cookie di terze parti unico. In questo modo, possono vedere quali siti web gli utenti navigano online e sapere i loro interessi. Ultimamente, usano questi dati per mostrare gli annunci basati sugli interessi e comportamento dell’utente.

Poiché l'utilizzo di cookie di terze parti è limitato in Safari, ciò si traduce in una profilazione dell'utente meno accurata e, quindi, in interessi o targeting comportamentali meno convincenti. In risultato, i pubblicitari spendono meno soldi sulle campagne pagate a causa degli scarsi risultati.  

I pubblicisti spendono meno soldi e investono di più in outreach organica, sponsorizzazioni, ecc. Per l'acquisto di media programmatici, gli inserzionisti hanno iniziato a impostare meno CPM per il pubblico di destinazione poiché i risultati di questo tipo di campagna sono diminuiti.

L'attribuzione della conversione meno precisaCopia il link a questa sessione

Il secondo caso d’uso critico dei cookie di terze parti nei casi delle piattaforme della pubblicità è l’uso di id click. Quando un utente clicca sull'annuncio, la maggior parte delle reti pubblicitarie aggiungono un ID click unico a URL e conservano il ID click come il cookie di terze parti. Quando un utente convertisce, questo id click è usato per sapere quale conversione deve essere attribuita a quale campagna. 

ITP si fa difficile per le reti affiliate a attribuire le vendite e le commissioni agli affiliati corretti come i dati di cookie utilizzati per tracciare possono essere eliminati solo dopo 7 giorni. A causa di questo, tante reti affiliate popolari hanno cominciato a fare l’implementazione di monitoraggio lato server obbligatoria per i pubblicisti. Con l’aiuto di monitoraggio lato server, è possibile impostare i cookie di prime parti e affidarsi alla durata di cookie più lunga.

Il pubblico di bassa qualità per il remarketing.Copia il link a questa sessione

Remarketing è la tecnica quando i pubblicisti mostrano gli annunci di target agli utenti che hanno prima avuto l’interazione con il loro sito web. Questo in genere è ottenuto utilizzando cookie di terze parti. Poiché un utente che ha visitato il tuo sito Web in Safari può rimanere nel pool di remarketing solo per 7 giorni, la dimensione del pubblico di remarketing diminuirà.

I dato non corretti per analisi di comportamento dell’utenteCopia il link a questa sessione

Le piattaforme di analisi usano i cookie per identificare se un utente è nuovo o ha già visitato il tuo sito web. Se l’utente di Safari non visita di nuovo il tuo sito web ogni 7 o 1 giorno, saranno considerati come nuovi. E avrà un notevole impatto negativo sul percorso dell'utente, sull'analisi delle conversioni, ecc.

La soluzione per i limiti ITP esistentiCopia il link a questa sessione

La restrizione di Webkit sui cookie di terze parti potrebbe inizialmente sembrare un ostacolo, ma la soluzione più popolare è stata presto scoperta. Utilizzando la codifica lato server, gli sviluppatori web potrebbero facilmente aggirare questo problema.

In questo caso di server di Google Tag Manager, se configuri un tagging server URL trovato sotto il tuo dominio di sito principale, come ss.example.com per il sito web example.com, il tagging server può impostare i cookie di prime parti, quali aumenteranno la durata dei cookie alle configurazione predefinite. 

Anche dopo che i pubblicitari hanno trovato questa soluzione, webkit ha provato a limitare ancora di più. La loro principale preoccupazione era il cloaking CNAME, che è stato successivamente limitato. Il clocking CNAME è progettato per superare in astuzia ITP in modo che tratti i cookie di terze parti in un contatto di prima parte. Se Safari rileva il cloaking CNAME, limita i cookie proprietari di JavaScript agli stessi 7 giorni in cui limiterebbe i cookie di terze parti.

In autunno 2022, webkit ha annunciato il nuovo limite sull’uso dei cookie di terze parti per tutti gli utenti di Safari. Limiteranno la durata dei cookie a 7 giorni per le risposte da indirizzi IP di terze parti. Questo limite è disponibile solo per gli utenti di Safari beta  e non riguarda ancora tutti. Ma poiché è stato annunciato diversi mesi fa, verrà presto rilasciato in produzione e interesserà tutti i browser che utilizzano ITP.

Ogni volta che un nuovo ITP rileva che l'indirizzo IP dell'URL che tenta di impostare i cookie è diverso dal dominio del tuo sito web, riduce la durata dei cookie a 7 giorni, indipendentemente dal fatto che sia di prima o terza parte. Ad esempio, il tuo sito web example.com punta all'IP 1.1.1.1 e in precedenza hai utilizzato la codifica lato server per aumentare la durata dei cookie. Diciamo che utilizzi il tagging server ss.example.com che punta a 2.2.2.2 per impostare i cookie di prime parti. ITP rileverà che example.com e ss.example.com hanno IP completamente diversi. In questo caso, tratterà i cookie impostati dal server di codifica ss.example.com come cookie standard di terze parti, limitando la durata dei cookie a 7 giorni.

Safari non ridurrà la durata dei cookie se l'indirizzo IP del dominio che imposta i cookie originali corrisponde per la metà (ad esempio, 16 per IPv4 e 64 per IPv6). Quindi, se l'indirizzo IP del tuo sito principale è 1.1.1.1, i cookie vengono impostati dal sottodominio che punta all'IP, che inizia con 1.1. sarà considerato come la prima parte e la sua durata non sarà ridotta. Ma Webkit dice che potrebbero cambiare la prima regola del tasso di corrispondenza del 50%.

Dopo il limite sui record CNAME, anche la maggior parte delle piattaforme e dei server di Google Tag Manager è passata all'utilizzo dei record A o AAAA per l'impostazione di cookie di prime parti relativi a domini di terze parti. Quindi, ad esempio, puoi impostare un dominio personalizzato per sGTM tagging server URL utilizzando A record in caso di utenti stape e impostare cookie di prima parte per Google Analytics, Facebook, reti di affiliazione, ecc., con l'aiuto di tagging lato server.

No. Almeno in un modo in cui il tagging lato server funziona per ora. Il motivo principale è che gli indirizzi IP di tagging server alla fine differiranno dall'IP che utilizzi per il sito web.

La buona notizia è che il team stape sta lavorando ad una soluzione che contribuirà ad aumentare la durata dei cookie. Dovrebbe essere rilasciato entro l'inizio della primavera.

L'impatto dei nuovi limiti di SafariCopia il link a questa sessione

Questa nuova versione si riporta tutti indietro al punto in cui stavano utilizzando i cookie di terze parti. Quando un utente naviga sul tuo sito web in Safari, i cookie di prime parti rimarranno in vita per un massimo di 7 giorni, a meno che non siano impostati dal dominio il cui IP corrisponde almeno al 50% dell'indirizzo IP del tuo sito web.

Sì, è possibile. Di recente abbiamo lanciato le nostre soluzioni Cookie keeper e Own CDN. Per saperne di più, cliccate qui.

Per saperne di più

Basta cliccare su Per saperne di più, e scoprire come affrontare il nuovo aggiornamento ITP con l'aiuto di stape.

Chiedere aiuto
Taggato con:gtm server

Ospita il tuo server GTM su Stape